Direttiva VASP

Partendo dalle indicazioni fornite dalla “Direttiva relativa alla viabilità locale di servizio all’attività agro-silvo-pastorale”della Regione Lombardia (approvata dalla Giunta regionale con d.g.r. VII/14016 del 8° agosto 2003 e pubblicata sul B.U.R.L., 3° supplemento straordinario al n° 35 del 29 agosto 2003) i singoli Comuni aderenti al Consorzio hanno adottato un proprio regolamento per regolamentare il transito sulle strade agro-silvo-pastorali. Il regolamento definisce la classe di transitabilità di ogni strada e ne determina la chiusura al transito ordinario; ciascun regolamento approvato contiene l’elenco delle strade censite, è allegato al presente documento e ne costituisce parte integrante.
Per tutte le strade censite è fatto obbligo avere un soggetto gestore. Questo, in assenza di altre indicazioni, è individuato dal Comune stesso nel cui ambito territoriale è inserita la struttura. Il soggetto gestore rappresenta a tutti gli effetti il responsabile dell’infrastruttura e dovrà garantirne:

  • la percorribilità in condizioni di sicurezza;
  • la chiusura al  transito in caso di situazioni di pericolo;
  • il rilascio delle autorizzazioni per la sicurezza  degli automezzi  in relazione alla classe di transitabilità della strada;
  • le condizioni minime necessarie per la sua transitabilità effettuando le manutenzioni ordinarie annuali;
  • le manutenzioni straordinarie ed adeguamenti segnalando gli eventuali danni e facendone richiesta agli enti competenti

Il Gestore dovrà provvedere annualmente al rilascio delle autorizzazioni per l’utilizzo dell’infrastruttura a tutti i soggetti che ne hanno diritto o che ne hanno fatta specifica richiesta, consentendo il transito alla sola tipologia dei mezzi compatibili con classe di transitabilità dell’infrastruttura e secondo il disposto del “regolamento di transito”.  I possessori dei permessi per il transito sulla strada, a termine dell’articolo 2043 del Codice Civile e del “Regolamento di chiusura al transito”, saranno responsabili di eventuali danni a persone ed a cose, sollevando la Proprietà o il Gestore da qualsiasi responsabilità. Il Gestore, nel caso di situazioni di pericolo, dissesti, calamità naturali ecc, dovrà tempestivamente emanare un’Ordinanza di chiusura al transito estesa anche ai possessori delle sopra citate autorizzazioni. L’Ordinanza dovrà essere esposta all'inizio della strada dove è stata posizionata la segnaletica. Il Piano potrà essere aggiornato annualmente o in ogni caso quando verrà effettuata la revisione del Piano di assestamento o del Piano di indirizzo forestale: sarà opportuno  integrare il censimento con le schede di tutte le nuove strade o manutenzioni straordinarie realizzate, con i relativi regolamenti adottati dai comuni o convenzioni stipulate con i privati.

Alcuni Comuni soci hanno indicato nel regolamento come soggetto Gestore delle strade il CONSORZIO FORESTALE PIZZO BADILE. I residenti di tali Comuni possono quindi circolare con un unico permesso su tutte le strade inserite nel Piano VASP di tali Comuni; il Consorzio Forestale annualmente provvede al rilascio delle autorizzazioni per l’utilizzo dell’infrastruttura a tutti i soggetti che ne hanno diritto o che ne hanno fatta specifica richiesta, consentendo il transito alla sola tipologia dei mezzi compatibili con classe di transitabilità dell’infrastruttura e secondo il disposto del regolamento di transito.  Gli introiti vengono utilizzati per la manutenzione ordinaria della viabilità.

Di seguito si riportano le categorie di utenti a cui il Consorzio può rilasciare i permessi per il transito sulle strade VASP dei Comuni sopra indicati:

Categoria Utenti

  • Categoria d’utenza “A1”:
    Residenti nel Comuni che hanno affidato la gestione della VASP al Consorzio
    (Braone, Breno, Ceto e Losine):
    • validità mesi 12: versamento di € 50;
    • validità mesi 1: versamento di € 20;
    • validità giorni 7: versamento di € 10;
    • validità giorni 1: versamento di € 3.

    Il permesso sarà gratuito solo per la strada d’accesso all’immobile di proprietà o in affitto;

  • Categoria d’utenza “A2”:
    Residenti nei Comuni facenti parte della Comunità Montana di Valle Camonica:
    • validità mesi 12: versamento di € 50, per ogni Comune;
    • validità mesi 1: versamento di € 20, per ogni Comune;
    • validità giorni 7: versamento di € 10, per ogni Comune;
    • validità giorni 1: versamento di € 3, per ogni Comune.

Il permesso sarà gratuito solo per la strada d’accesso all’immobile di proprietà o in affitto;

  • Categoria d’utenza “A3”:
    Non residenti nei Comuni facenti parte della Comunità Montana di Valle Camonica:
    • validità mesi 12: versamento di € 75, per ogni Comune;
    • validità mesi 1: versamento di € 25, per ogni Comune;
    • validità giorni 7: versamento di € 15, per ogni Comune;
    • validità giorni 1: versamento di € 5, per ogni Comune.

    Il permesso sarà gratuito solo per la strada d’accesso all’immobile di proprietà o in affitto;

  • Categoria d’utenza “A4”:
    Soggetti privati non ricompresi nelle categorie A1-A2-A3 che svolgono attività venatorie
    debitamente documentate ed autorizzate; il permesso di transito avrà validità limitata
    al periodo d’esercizio dell’attività venatoria, sarà soggetto al versamento della somma di € 100 –
    e sarà valido unicamente per le strade d’accesso alle aree di esercizio dell’attività venatoria
    gestite dal Consorzio Forestale;
     
  • Categorie d’utenza “B”: si suddivide in:
    • B1 Esigenze legate alla pratica dell’agricoltura e della pastorizia da parte di coltivatori diretti o
      imprenditori agricoli ed alle attività selvicolturali da parte di ditte boschive;
    • B2 Esigenze legate all’accesso alle malghe comunali da parte degli affittuari degli alpeggi;
    • B3 Esigenze legate al controllo periodico da parte dei proprietari di bestiame in alpeggio;
    • B4 Esigenze logistiche connesse all’esercizio sul territorio di specifiche
      attività economico-professionali,artigianali e di imprese connesse ad attività
      agro-forestali ed edili;

    il permesso di transito avrà validità di mesi sei e sarà gratuito, eventualmente rinnovabile
    nel corso dell’anno;

  • Categorie d’utenza “C” si suddivide in:
    • C1 Esigenze didattiche legate ad attività scolastica degli istituti di istruzione inferiore,
      media, superiore ed universitaria;
    • C2 Esigenze didattiche, di studio e ricerca legate alla divulgazione delle tematiche
      ecologico-ambientali, purché debitamente documentate;

il permesso di transito avrà validità di giorni sette e sarà gratuito, eventualmente rinnovabile
nel corso dell’anno;

  • Categorie d’utenza “D” si suddivide in:

    il permesso di transito avrà validità annuale e sarà gratuito e il permesso di transito sarà
    rilasciatoper tutte le strade VASP gestite dal Consorzio Forestale
    .
    Per le categorie d’utenza “D 2” il permessodi transito avrà validità vitalizia e sarà gratuito.
    Il permesso di transito sarà rilasciato per tutte le stradeVASP di cui all’art.2 e sulle altre
    strade VASP gestite dal Consorzio Forestale in altri Comuni

    • D1 Esigenze di circolazione con veicoli a motore per gli iscritti negli elenchi di coloro
      che hanno attivamente concorso alla manutenzione delle strade di cui al presente
      Regolamento partecipandoalle tradizionali “Giornate delle Strade”, di cui
      al successivo art. 26;
    • D2 Cittadini nati o residenti nel Comune che abbiano compiuto i sessantacinque
      anni di età e siano in possesso di patente di guida valida;
    • D3 Portatori di handicap anche temporanei che permanentemente
      o temporaneamente sono impossibilitati a raggiungere in altro modo il luogo
      desiderato.
      L’handicap dovrà essere dimostrato con certificazione medica o palesemente
      riscontrabile.
      Il veicolo potrà essere condotto anche da persona diversa del richiedente purché
      lo stesso venga portato;
  • Categoria d’utenza “E1”:
    esigenze logistiche connesse all’effettuazione di manifestazioni, ricorrenze e ritrovi
    a carattere sociale, ricreativo e sportivo le cui finalità siano di promuovere e valorizzare
    la montagna salvaguardandone la sua integrità.
    Non saranno rilasciati permessi, ma il Comune o i Comuni interessati, sentito il parere
    del Consorzio Forestale, potranno autorizzare per il giorno in cui si svolge la manifestazione
    la libera circolazione sulla strada interessata, mediante apposita Ordinanza resa nota anche
    agli Organi di vigilanza e controllo. A tal fine andranno poste in essere lungo la strada tutte
    le segnalazioni e le indicazioni utili per un corretto accesso, percorrenza e sosta
    da parte degli utenti (tali segnalazioni saranno a completo carico degli organizzatori).

I Comuni che hanno individuato nel Consorzio il soggetto gestore delle proprie strade VASP sono:
Braone, Breno, Ceto, Losine, Niardo, Cimbergo.